PASOLINI PRECURSORE DELL’ INTERNETTIANESIMO

Pasolini non è stato mai comunista nel senso marxista come non sono stati comunisti la maggioranza degli attivisti del PCI che non hanno mai letto e studiato Marx.

Pasolini è stato un genio nella interpretazione delle intuizioni e delle vicinanze dei valori espressi dal cristianesimo precostantiniano.

La morte di Accattone, le Ceneri Di Gramsci, la storicizzazione del linguaggio dei borgatari della Roma del quartiere San Paolo, la immissione nello stantio dibattito politico dell’ Italia di Andreotti delle dissertazioni marcusiane e la avversione  alla borghesia ottusa, volgare e bacchettona, mosse la cultura stagnante.

Gli intellettuali asserviti dovettero uscire dalla ripetizione acritica di nozionismi anacronistici e furono costretti ad inseguirlo in un dibattito smitizzante più aperto e moderno, anche con l’ apporto di Moravia e Piovene . I funzionari del PCI non riuscivano a seguirlo e, invece di arricchirsi studiandone le motivazioni, tentarono di isolarlo.

Ma la bellezza poetica  più evidente della sua creatività  artistica è stata la produzione da regista. Suscitò la commozione e l’ ammirazione del mondo cattolico e del Vaticano, che l’ avversavano, con il sofferto film IL VANGELO SECONDO MATTEO.

Tutti i films sono pieni di poesia e richiami letterari. La macchina da presa era da lui  imbracciata  direttamente e le sue riprese personali  crearono uno stile.

La morte di Pasolini da tempo ha riportato il dibattito culturale e politico in uno pesante squallore. Gli intellettuali organici al sistema non escono fuori da circuiti ripetitivi, analisi scontate recitate all’ infinito fra aggreganti consorterie da salotto o accademiche. Tacciono sulle vere ragioni dei problemi gravi. Non osano dare il nome dei rei.

Come Internet da la parola, negata dalla stampa da rotativa, al popolo, Pasolini la diede a quelle stratificazioni sottoproletarie emarginate, i ragazzi di vita, che una piccola borghesia spocchiosa ed esibizionista disprezzava e di cui negava l’ esistenza.

Accogliere  nel proprio sentire  sociale la vita degli ultimi, storicizzarne il linguaggio con valenze letterarie, è equivalente  all’ accoglienza che le esperienze, le aspirazioni e le proposte soprattutto degli ultimi  trovano nell’ universo internettiano, ove nessuno  rimane isolato e senza  ascolto, poichè  gli internettiani  generosi sono prevalenti ed  amano correlarsi e donare il proprio tempo, i propri saperi, senza chiedere nulla all’ altro, di cui non conoscono censo, razza o religione, paghi soltanto dell’ afflato  solidaristico  dell’ inclusività, che è il sentimento fondante dell’  internettianesimo.

E Pasolini, in opposizione alla corrotta borghesia democristiana, che disprezzava a tal punto i diversi  da negarne l’ umanità, propose  “accattone”  ed il suo mondo di borgata  e ne descrisse le  pulsioni, il  linguaggio, la sofferta lotta per la sopravvivenza, spiazzando una società vanesia che non aiutava gli emarginati, ma attendeva che commettessero illegalità per enfatizzarle  a fini politici.  Nella scena finale, accattone  vive l’ uscita dalla vita come la liberazione  da una umanità ostile e ringhiosa che gli ha elargito solo disprezzo ed emarginazione. Una profonda commozione coinvolge  Pasolini in questa scena. Pervaso da una penetrante umanità, sente  l’ altro come se stesso. E’ empatia intensa, è internettianesimo.

francesco miglino

segretario partito internettiano

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: