IL POTERE MONETARIO NELLE MANI DI PRIVATI, MINACCIA DI FAR FALLIRE L’AMERICA E DI PRIVARE I LAVORATORI DEL LORO STIPENDIO. LA SOCIETA’ AMERICANA, COSTRETTA A VIVERE NELL’ ANGOSCIA E NELL’ INCERTEZZA, DEVE DIFENDERSI RICONQUISTANDO I POTERI DECISIONALI CHE E’ POSSIBILE AVERE RIAPPROPRIANDOSI DELLA SOVRANITA’ MONETARIA GESTITA DALLO STATO E NON DA QUEI PRIVATI CHE MINACCIANO LA CIVILE CONVIVENZA DEGLI AMERICANI E LA NAZIONE.

ABRAMO LINCOLN,

CON DOCUMENTO DEL SENATO N.23 DEL 1865, DIMOSTRO’ CHE E’ POSSIBILE RICONQUISTARE LA PROPRIA SOVRANITA’ MONETARIA PER IL BENE DELL’ AMERICA

 

“Il Governo non ha necessità né deve prendere a prestito capitale pagando interessi come mezzo per finanziare lavori governativi ed imprese pubbliche. Il Governo deve creare, emettere e far circolare tutta la valuta ed il credito necessari per soddisfare il potere di spesa del Governo ed il potere d’acquisto dei consumatori. Il privilegio di creare ed emettere moneta non è solamente una prerogativa suprema del Governo, ma rappresenta anche la maggiore opportunità creativa del Governo stesso.
La moneta cesserà di essere la padrona e diventerà la serva dell’umanità. La democrazia diventerà superiore al potere dei soldi.”

SIGNOR PRESIDENTE BARACK OBAMA, LA STORIA LE OFFRE L’ OCCASIONE DI SCRIVERE IL SUO NOME FRA I GRANDI DELLA STORIA RISTABILENDO PER IL SUO PAESE LA SOVRANITA’ MONETARIA E LIBERANDO IL SUO POPOLO DALLA SUDDITANZA AL DEBITO INFINITO.

Francesco Miglino segretario

http://www.partitointernettiano.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...


%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: